L'AGARICUS BISPORUS

Crema di patate dolci con salsa di tartufo e funghi.

  • Fungo: Agaricus bisporus (champignon)

 

Ingredienti per 4 persone

Tempo di preparazione: 30 minuti

Livello di difficoltà: media

 

250 g di funghi Agaricus bisporus (champignon)

1 Tuber aestivum (tartufo scorzone)

1 kg di patate dolci

1 porro

2 cucchiai di yogurt greco

qualche foglia di cavolo nero

qualche foglia di cavolo viola

4 pomodori sott’olio

1 noce di burro

sale, olio evo q.b.

 

Preparazione:

 

Mondare i funghi, bollirli per pochi minuti in 2 bicchieri di acqua e 1 bicchiere di aceto.

Lasciarli asciugare su un panno.

 

Pulire bene il tartufo, passarlo sotto acqua corrente, asciugarlo bene e grattugiarlo in una ciotola, unire un filo di olio e del burro fuso.

 

Affettare sottilmente il porro e lasciarlo imbiondire con poco olio evo. Nel frattempo pelare le patate e tagliarle a cubetti. Unire al porro aggiungendo poca acqua calda.

 

Cuocere per una ventina di minuti, regolando di sale, quindi passare al mixer, aggiungere lo yogurt greco e mescolare bene il composto. Dovrà risultare morbido ed omogeneo.

 

Mondare e tagliare a listrarelle le verdure, cuocere per pochi minuti al vapore e mettere da parte.

 

Impiattamento:

 

Con uno stuzzicadenti prendere i funghi, uno ad uno ed immergerli fino la base del cappello nella salsa al tartufo, ruotando leggermente per incorporare la salsa.

Adagiare i funghi sulla crema. Unire le verdure e pennellare con la salsa al tartufo.

 

 

  • Per saperne di più:

 

Tra le specie di tartufo, è quello più diffuso.

Il tartufo nero estivo o piu comunemente “scorzone” a causa della sua scorza ruvida è un tartufo resistente e si mantiene piu a lungo rispetto alle altre varietà.

Conservare il tartufo, in frigorifero, in un barattolo chiuso, avvolto nella carta da cucina che deve essere cambiata giornalmente. Il tartufo deve essere pulito e lavato soltanto al momento dell’utilizzo. Spazzolatelo con una spazzola non troppo dura, sciacquandolo velocemente sotto l’acqua corrente e asciugato con carta da cucina poi affettatelo e grattugiatelo sulla pietanza desiderata.